Carpi Risparmio energetico, regolazione e controllo singolo punto luce a onde convogliate
Risparmio energetico, regolazione e controllo singolo punto luce a onde convogliate - Carpi (MO)
L'esperienza

Qualche anno fa il Comune di Carpi decise di sperimentare nuove tecnologie sui nuovi impianti di pubblica illuminazione. Lo studio sulle tecnologie affidabili e più promettenti, ha individuato nel sistema OPERA una soluzione completa e modulare alle necessità espresse dalla committenza.

In particolare il Comune di Carpi aveva interesse a mantenere monitorati i dati relativi al funzionamento delle lampade, per individuare con sufficiente anticipo, e quindi pianificare, gli interventi manutentivi. Non solo quindi la segnalazione del guasto, ma anche le misure necessarie ad anticipare i fenomeni in incipit.

Erano diversi i sistemi di monitoraggio dei punti luce presenti sul mercato, ma il sistema OPERA presentava delle caratteristiche uniche. Queste permettevano al gestore di stabilire il grado di usura di ogni lampada, la eventuale presenza di cadute di tensione anomale, le ore di funzionamento del singolo componente. Queste informazioni permettono al gestore di pianificare con attenzione gli interventi, e attuare quella manutenzione programmata ordinaria "ottimale" che rappresenta il punto di ottimizzazione dei costi.


La soluzione

L'impianto di illuminazione pubblica è composto da 255 corpi illuminanti.

Di questi 39 sono dotati di lampade tipo SAP 250W su pali da 9m, 170 da 100W su pali da 8m, 6 lampade da 150W su pali da 9m, i restanti 40 di lampade da 70W tipo SAP su pali da 4m.

Il gestore può impostare, lampada per lampada, le soglie di allarme. In particolare i valori che determinano allarme per avaria condensatore, lampada in corto circuito, tempo medio di accensione sull'ora, tensione di alimentazione lampada (massima e minima), corrente di armatura (massima e minima).

Tutti i moduli palo forniti sono equipaggiati con relè (del tipo LPC), in totale i moduli palo montati sono 253 divisi in sei gruppi di comando. Ad ogni gruppo è associato un certo numero di lampade. Ad ogni gruppo si possono poi associare impostazioni, allarmi o comandi (accensione o spegnimento).

I benefici

L'impianto è stato definitivamente messo in servizio a metà 2003 e consegnato al cliente con reciproca soddisfazione. É in atto la fase di raccolta dati. Nel frattempo, grazie alla contemporanea adozione di un regolatore di flusso luminoso a monte, i dati di risparmio, già disponibili, parlano di un 28% medio di risparmio annuo per la sola energia consumata. La sperimentazione in atto permetterà anche di valutare con precisione la durata, a consuntivo, delle lampade.